Un salvataggio

3285124_1847_2017_10_06_photo_00000274

[…]
Piro, parte dal rifugio per un’escursione con due stranieri e rimane assente per tre o quattro giorni.
Al suo ritorno silenzio e facce lunghe, avvilite.
Il cane non compare a fargli festa, aveva seguito per un buon tratto di strada certi operai, poi s’era disperso.
Lo credono caduto in un crepaccio, avendo riscontrato nelle ricerche le sue impronte: ventre, zampe, muso su una sporgenza di neve dura a cui deve essersi tenuto con le unghie…chissà quante ore prima di scivolare giù, vinto dallo sfinimento.
“Che si fa?” Piro ha uno scatto: “Morto o vivo andiamo a vedere!”.
Non é ancora sera: sul ghiaccio la luce dura a lungo. Arrivano al punto indicato.
Piro si sporge: sul gradino di neve riconosce le impronte: rivive il supplizio della bestia impotente a risalire, condannata a cadere nel crepaccio.
Non vi è dubbio è laggiù. Lo chiama, senza speranza, due o tre volte.
Miracolo. Dal fondo di sessanta/settanta metri, la bestia risponde.
Il gemito sordo, strozzato non risuona che una volta sola. Ma basta per provare che è vivo e che si è in tempo per salvarlo.
Piro prende  corda e lanterna, si fa legare dai compagni, raccomanda d’assicurar bene la corda al paletto…scende.
A due terzi della discesa, scorge dal basso due occhi fuor dell’orbite, che s’avvertono verso di lui.
“Si eccomi  ti vengo a prendere”. Il Cane non può ulular la sua gioia, non ha più voce.
E se fosse che dopo tanto pericolo e tanto terrore fosse divenuto rabbioso, demente? Se lo addentasse?
Piro scaccia il triste pensiero. Si cala sempre più giù: Le zampe del cane gli afferrano improvvisamente le spalle, lo attanagliano, gli tolgono il respiro.
Sente sul petto il martellare spasmodico dell’altro petto, e una povera lingua arsa che tenta di leccargli il viso.
Rapido avvolge la corda al corpo della bestia che capisce, lo lascia fare, gli si abbandona.
Grida ai compagni che è pronta e che la tirino su. Così vien fatto. Ma i crepacci no hanno pareti lisce e un movimento falso del carico vivo in salita ha smosso un blocco di neve che rovina addosso all’uomo, spegnendogli la lampada.
Piro si adopera, nel buio fitto a ritrovar la corda calata per lui dai compagni. Non la trova e forse rimasta attaccata ad una sporgenza, non perde il sangue freddo, si arrampica alla cieca, come può.
Gran fortuna che egli ponga a caso la mano sul capo della corda penzolante da un rialzo, è trattenuta la.
Annodarsela a vita come ha fatto con il cane, dar d’avviso, risalire con un salto agile, superar l’ultimo tratto che lo separa dall’aria aperta, dal terreno sicuro: gli sembra un sogno.
Il cane è abbandonato al suolo, quasi senza vita, gli occhi chiusi.
Piro se lo carica sulle braccia, lo porta al rifugio.
Alcuni giorni dopo rimesso appena, alla vista di Piro la povera bestia si scuote, ricorda, striscia fino a lui, gli lecca i piedi e le mani, guaendo, tremando in tutto il corpo per dirgli: “Lo so che mi hai salvato, ti ringrazio!”.
Così sempre, ad ogni ritorno di Piro al rifugio e per il tempo che vi rimane diventa la sua ombra.
Così farà fin quando vivrà.

cane caduto

[…] dal racconto “Un Salvataggio”  di ADA NEGRI (da “Erba sul sagrato” ed. Mondadori)

Tratto da “Immagini” antologia per la Scuola Media – ed. Grazzini

*foto scaricate dal Web

 

32 pensieri riguardo “Un salvataggio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...