L’artista

L’amicizia con un vicino di casa, che era un grande artista, ci riservò molte sorprese.
Arrivato dall’estero con una famiglia numerosa, senza lavoro e con la sola possibilità di vendere i quadri che dipingeva.
All’inizio nessuno comprò i suoi quadri, ma li accettavano come scambio merce. Li accettò il commestibile, il negozio di sport, il rilegatore in cambio di cornici e infine anche il proprietario del locale da adibire a esposizione.
In poco tempo nelle case ci furono parecchi suoi quadri di montagne innevate.
I figli vestivano sempre uguale, pantaloni di fustagno alla zuava, scarponi e calzettoni da montagna, camicie a quadri di tessuto pesante.
Quest’abbigliamento serviva d’ estate con molto caldo e d’ inverno con freddo e gelo.
La sua filosofia serviva ad educare i figli a non essere conformisti. I ragazzi di ieri, oggi hanno importanti posizioni in società.
I ragazzi non la pensavano come lui, specialmente se i loro compagni di scuola ridevano di loro.
Amava l’aria aperta, cercò un terreno incolto e ne fece un orto e un frutteto. I ragazzi di caricavano sulle spalle grossi sassi per fare il muro di contenimento, voleva abituarli alla fatica e al lavoro. Per arrivarci c’era una strada sterrata con curve irregolari e ai lati scarpate di rovi con vipere; c’erano tante buche perchè vi passavano i margari con gli animali per la transumanza.
Per lui questa campagna era un santuario a cielo aperto, una fonte di ispirazione per i suoi quadri che vendeva nelle varie esposizioni e sagre del paese.
Si avvicinavano gli sportivi, alpinisti, rocciatori, sciatori e in poco tempo anche in città si parlava del PITTORE DELLA NEVE.
Non accettò mai di fare contratto con u galleristi perchè non amava impegni.
La nostra famiglia gli deve tanto, ci insegnava la sua lingua e ci accompagnava all’estero per i nostri impegni di lavoro evitandoci di sentirci inadeguati.
In inverno ci portava a sciare con i suoi figli e in estate, tutti in fila indiana, facevamo lunghe escursioni.
Lasciò un testamento difficile da eseguire. Pretese che le sue ceneri fossero sparse dalla famiglia al completo e da noi amici, su una montagna molto alta nelle Alpi marittime.
Morì in pieno inverno, tutta la sua famiglia e noi salimmo con le pelli di foca e ciaspole, nella zona indicata.
Si trattò di un’escursione faticosissima e per evitare zone solite alle slavine, ci accompagnò una guida esperta.
Sua moglie non resse alla sua mancanza e in poco tempo si lasciò morire.
Quando in casa nostra o di amici osservo i suoi quadri appesi alle pareti e noto la piccola figura in mezzo alla neve, ricordo cosa mi disse: “tu sarai sempre viva, fintanto che ci saranno i miei quadri perchè quella piccola figura sei tu”.

dav
8219_1_l

Jean-Georges Inca
https://www.artiane.com/peinture-paysage-montagne/

 

86 Replies to “L’artista”

  1. più dei suoi quadri è la sua storia che affascina e che tu hai “dipinto” a belle pennellate. Gli artisti sono gente cocciuta, sanno seguire la propria strada, mai facile nè ovvia. E vedo un significato emblematico in quello sterrato difficile che portava a casa sua e in quel cammino ancora più impegnativo, di ciaspole e pelli di foca, a spargere le sue ceneri tra le alte nevi.
    struggente.
    ml

    Liked by 1 persona

  2. Bellissima storia.
    L’inizio mi ricorda un’anziana vicina di casa che avevo tanti anni fa. Amava dipingere ma aveva poche possibilità; in cambio di tele e colori regalava i dipinti, a me ne diete tre, a dire il vero bruttini, in cambio di cornici. Non li ho mai appesi, ma non li butto, li tengo come ricordo.

    Liked by 2 people

  3. Storia vera o inventata? Comunque i quadri sono bellissimi 😍 ed io adoro il blu… quel blu così profondo. Un’artista con una personalità sensibile e particolare, come ogni artista del resto… e anche con il pensiero di trasmettere ai figli i propri principi, forse a volte è sbagliato il modo di inpartire gli insegnamenti… il suo scopo era comunque buono, magaro un giorno i figli – ormai grandi – gli saranno grati 😀

    Liked by 1 persona

  4. Meraviglioso il modo in cui anche tu, a tua volta, dipingi quadri di parole. Ho apprezzato tanto questo racconto, mi ha emozionata e trasportata, per il tempo della lettura, nel tuo mondo. Complimenti!

    Liked by 1 persona

  5. Che bello fare la tua conoscenza attraverso questo racconto di vita vissuta tra le montagne e la conoscenza di una persona speciale. Veramente un artista, ho cliccato sul link e fortunatamente – accade così di rado ormai in un mondo in cui comanda la lingua ingles – era scritto in francese, che adoro e conosco abbastanza bene.
    E così la tua esperienza ha arricchito un po’ anche me.
    Grazie davvero, spero di leggerti ancora.
    Ciao da Lauraluna.

    Liked by 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...