Il voto del gatto

gatto-caccia-uccello

[…]
Un certo gatto, golosissimo, non seppe un giorno resistere alla voglia di mangiarsi un usignolo, che il padrone aveva assai caro per la sua voce melodiosa.
Aprì la gabbia e fece un solo boccone del povero cantore.
Subito dopo fu preso da una paura maledetta e giurò agli Dei che, se fosse riuscito a evitare il terribile giudizio che lo minacciava, non avrebbe mai mangiato carne d’uccello, in vita sua.
Un poco la fortuna e molto la sua faccia tosta lo salvarono; nessuno sospettò di lui; non gli toccò neppure la più piccola minaccia: e da gatto di cuore esso cominciò la sua astinenza.
Ahi, come dura! Ma perseverava.
Volle però il caso che un giorno gli capitasse tra le unghie un pipistrello: fiera tentazione!
– No – disse il gatto – ho promesso.
Il pipistrello ha le ali e può essere considerato un uccello. Non lo mangio -.
E lo lasciò andare.
Ma lo stolto pipistrello, dopo un breve volo, tornò a cadere tra le grinfie del gatto.
– Ah! – esclamò il bravo micio – tu sei pipistrello, mezzo topo e mezzo uccello.
Come uccello prima ti ho salvato; ma ora, come topo, ti mangio -.
E lo ingoiò, soddisfacendo così la sua coscienza e la sua gola.

[…] Luigi Fiacchi

Tratto da ”Spera di Sole” antologia per la scuola media

*foto dal web A tutto sui gatti.it